Introduzione

NextGenerationEU è uno strumento temporaneo per la ripresa da 750 miliardi di euro, che contribuirà a riparare i danni economici e sociali immediati causati dalla pandemia di coronavirus per creare un’Europa post COVID-19 più verde, digitale, resiliente e adeguata alle sfide presenti e future. L’obiettivo è un’Europa più ecologica, digitale e resiliente.

Piano per la ripresa e la resilienza – PNRR

È il fulcro di NextGenerationEU, e metterà a disposizione 672,5 miliardi di euro di prestiti e sovvenzioni per sostenere le riforme e gli investimenti effettuati dagli Stati membri. L’obiettivo è attenuare l’impatto economico e sociale della pandemia di coronavirus e rendere le economie e le società dei paesi europei più sostenibili, resilienti e preparate alle sfide e alle opportunità della transizione ecologica e di quella digitale. Gli Stati membri stanno preparando i loro piani di ripresa e resilienza, che daranno diritto a ricevere fondi nell’ambito dello strumento per la ripresa e la resilienza.

Gli stati membri stanno preparando i propri piani di ripresa e resilienza che definiscono un pacchetto coerente di riforme e progetti di investimento pubblico. Per beneficiare del sostegno dello strumento, tali riforme e investimenti dovrebbero essere attuati entro il 2026.

Per maggiori informazioni sul PNRR italiano cliccare QUI per accedere alla sezione dedicata del cruscotto.

Assistenza alla ripresa per la coesione e i territori d'Europa (REACT-EU)

NextGenerationEU stanzia anche 47,5 miliardi di euro per REACT-EU, una nuova iniziativa che porta avanti e amplia le misure di risposta alla crisi e quelle per il superamento degli effetti della crisi attuate mediante l’iniziativa di investimento in risposta al coronavirus e l’iniziativa di investimento in risposta al coronavirus Plus. REACT-EU contribuirà a una ripresa economica verde, digitale e resiliente.

I fondi saranno ripartiti tra:

  • il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR)
  • il Fondo sociale europeo (FSE)
  • il Fondo di aiuti europei agli indigenti (FEAD)

Tali finanziamenti aggiuntivi saranno erogati nel periodo 2021-2022 nel quadro di NextGenerationEU e, già nel 2020, attraverso una revisione mirata dell’attuale quadro finanziario.

Sinergia con altri programmi

NextGenerationEU assegnerà anche ulteriori finanziamenti ad altri programmi o fondi europei quali Horizon Europe, InvestEU, il Fondo per lo sviluppo rurale o il Fondo per una transizione giusta.

Reperimento di ulteriori risorse finanziarie

La Commissione ha adottato il 14 aprile 2021 misure per garantire che l’assunzione di prestiti nell’ambito dello strumento temporaneo per la ripresa NextGenerationEU sia finanziata alle condizioni più vantaggiose per gli Stati membri e i cittadini dell’UE. La Commissione utilizzerà una strategia di finanziamento diversificata per reperire fino a circa 800 miliardi di € a prezzi correnti fino al 2026. Questo approccio, che sarà in linea con le migliori pratiche degli emittenti sovrani, consentirà alla Commissione di reperire i volumi necessari in maniera agevole ed efficiente.

In dettaglio la Commissione si occuperà di:

  • contrarre prestiti per finanziare la ripresa: i prestiti ammonteranno, in media, a 150 miliardi di € circa all’anno, un volume che farà dell’UE uno dei maggiori emittenti in euro. Tutti i prestiti saranno rimborsati entro il 2058
  • definire una strategia di finanziamento diversificata, coniugando l’uso di diversi strumenti e tecniche di finanziamento con una comunicazione aperta e trasparente nei confronti degli operatori del mercato